Pompa di Calore 101: Cos’è, Come funziona e perché Conviene?

La pompa di calore è una delle tecnologie che ha preso piede più velocemente nel settore delle energie rinnovabili per riscaldare e rinfrescare gli ambienti, da abbinare a un impianto fotovoltaico.

Il suo principio si basa sullo sfruttamento del calore presente nell’aria per ottenere riscaldamento e acqua calda sanitaria nei mesi invernali e per rinfrescare gli ambienti durante la stagione estiva.

Cos’è una pompa di calore?

Una pompa di calore è un sistema per il riscaldamento di un ambiente che funziona estraendo il calore da una fonte a temperatura più bassa e diffondendolo all’interno della casa, dove è più alta.

Si tratta di una tecnologia altamente efficiente che permette un risparmio in bolletta rispetto al riscaldamento tradizionale e che ha un consumo di energia ridotto, garantendo così una maggiore sostenibilità ambientale.

Ma come funziona? Quante tipologie ne esistono? E quanto costa installarla? Vi rispondiamo a tutte queste domande qui sotto.

Come funziona la pompa di calore?

A differenza di quanto si possa pensare, una pompa di calore non produce e non scalda l’aria, perché la sua principale funzione è sostanzialmente quella di muoverla. E funziona anche quando le temperature al di fuori delle mura domestiche sono basse.

In effetti, la pompa di calore è in grado di assorbire l’energia termica presente nell’aria, di comprimerla e di restituirla all’interno sotto forma di flusso caldo.

Il funzionamento è simile a quello del frigorifero che estrae dalla camera refrigerante le calorie in eccesso per immetterle nello spazio esterno della cucina.

Qual è l’efficienza di una pompa di calore?

Le migliori pompe di calore presenti oggi sul mercato sono in grado di quadruplicare in termini termici il valore dell’energia elettrica che ricevono.

Quindi, per ogni kWh consumata dalla pompa di calore per funzionare, si ottengono dai 3 ai 4kWh di calore utilizzabile per il riscaldamento.

Uno dei vantaggi poi da non sottovalutare è che la pompa di calore si può installare sui sistemi già presenti in casa o, in caso di ristrutturazione, abbinarla a un impianto di pannelli radianti, in modo da massimizzarne la resa.

Perché abbinare la pompa di calore all’impianto fotovoltaico?

Per risparmiare energia e soprattutto abbattere le bollette, abbinare ai pannelli solari una o più pompe di calore che suppliscano al fabbisogno di riscaldamento sia dell’acqua sanitaria che degli ambienti, così come al loro raffrescamento, è sicuramente una scelta vincente.

Durante il periodo estivo, ad esempio, una pompa di calore può immagazzinare abbastanza energia da riscaldare l’acqua sanitaria a 60°C. Questo permette di stoccare nel serbatoio dell’acqua abbastanza calore per avere acqua corrente riscaldata anche dopo il calar del sole, non dovendo più ricorrere al gas o altre fonti non rinnovabili.

Quanto costa una pompa di calore?

L’investimento iniziale per l’installazione di una pompa di calore è piuttosto oneroso, soprattutto se contestualmente si vorranno sostituire i termosifoni con un impianto radiante di riscaldamento.

Tuttavia l’abbinamento con un impianto fotovoltaico e le agevolazioni previste dal Superbonus 110% possono incentivare questa scelta che, sul lungo periodo, si dimostra essere la più ecosostenibile e vantaggiosa dal punto di vista delle spese.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *